« Il vostro computer non sarà più come prima »
(Tagline del film.)

Twilight è un film diretto da Brake Hardrive e sceneggiato da Mendeck Net, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 2005 di Stephen Save.

La giovane Bella diPadella si trasferisce nella piccola cittadina di Mirabella Imbaccari,(per lasciare che la madre segua il suo nuovo compagno, un tecnico termoidraulico specializzato in condizionatori) per vivere assieme al padre e tutto immagina tranne che la sua vita stia per prendere una svolta inaspettata e mortalmente pericolosa.

A scuola tutti sono incuriositi dalla nuova studentessa, molti ragazzi cominciano a farle la corte e nel frattempo stringe amicizia con due ragazze, Jessica e Angela. Tra tutti gli studenti Bella nota il misterioso Salvo Aranzucca detto “cocozza“, per la sua testa a forma di melone, che non dà confidenza a nessuno se non ai tecnici del laboratorio d’informatica. Qualcosa in Bella, però, costringe inizialmente Salvo a starle lontano e in seguito ad avvicinarla.

Inizia, tra i due, una sospettosa amicizia che ben presto si trasforma in un’attrazione travolgente e irresistibile (come legami cocovalenti). Fino a quando Bella non scopre che Salvo è un divulgatore informatico nonché hacker vampiro.

Nonostante gli ostacoli e la diversità della loro natura i due giovani si innamorano, ma la vita di Bella è in pericolo quando in città arrivano 3 altri divulgatori informatici: Sirio, Harry Fotter e Anita, molto diversi da Salvo e dai suoi familiari.

Annunci

Articolo Del NOCOCOZZA DAY 31/10/08 —> guarda gli altri


immagine sirio in maschera: cocohalloween, a cura di Alberto


In un campo sotto al sole
stanno i fiori nelle aiuole (di zucca n.d.r.)
calpestarli con le suole
è proibito a chi lo vuole

In quel campo, un po’ più a destra
sta una pianta un poco mesta
il cui interesse ora si desta
con l’invito ad una festa

Il postino è il bieco Chester
travestito da zio Fester
da un invito a quella zucca
che per halloween si trucca

“Si che vengo, volentieri
lo sapevo già da ieri
quella casa dietro ai peri
con gli infissi rossi e neri!”

Il bieco Chester ora ridacchia,
fa l’occhietto a una cornacchia
“E’ uno scherzo per Cocozza,
poi vedremo come abbozza”

Senza essere invitato
alla festa si è incamminato
da se stesso è mascherato
colui che non può essere nominato
Davanti alla casa bussa alla porta
impaziente con mano morta
apre subito Dragoraro
travestito da lupo mannaro

“E’ cocozza” urla Crack-I’n
travestito da halloween
fugge subito in cantina
spaventato più di prima

Poveretto Tramezzino
travestito da merlino
quando vede il Cocozza
si nasconde e poi singhiozza

“Io le palle gliele stacco!”,
grida il furibondo Sacco
guarda gli occhi di Cocozza
l’urlo in gola gli si strozza

“Di calcioni ne avrà il bis!”
strilla incavolato Kris
la faccia di Cocozza si fa dura
Kris se la fa sotto dalla paura

C’era pure Skelet-On(to)
che, tornato da Bitonto (cittadina in Puglia n.d.r.)
dormiva da ore ignaro di tutto
facendo pure ogni tanto un rutto

Ma Cocozza coraggioso
si è ormai fatto minaccioso
salta fuori dalla finestra
urlando “ma dov’è la festa?”

Il Cocozza adesso è fuori
triste siede in mezzo ai fiori (di zucca n.d.r)
e pensa: “Visto che non mi hanno invitato
c’è l’ipotesi di reato”

Questa volta è naturale
vi denuncio alla polizia postale,
poi lo dico a Berlusconi
che mi avete rotto i coglioni!